FOTOGRAFANIMA

Ora guardami ancòra tieni aperta la valva del cuore fino all’Ade ch’è in fondo ai miei occhi regalami una me che non conosco poi componi la luce fino a fare un mosaico dei pensieri svelati. Ora guardami ancòra: mi lascio scivolare dentro il mare tranquilla di poterne ritornare se a dipingere il sogno sarai davvero tu.

MELANCOLICAMENTE

Questa sera la lascio salire dalle scale di vene del ventre tremolio di parole sconnesse, sottofondo di musiche vecchie, racconti che non ho dimenticato, e una culla gualcita, le lenzuola sdrucite, la finestra si tinge di sangue ed un giorno finisce lasciandomi stremata a ricordare.